Icone di stile #2: Yves Saint Laurent

05/04/2020

Yves Saint Laurent (Orano, Algeria 1º agosto 1936 – Parigi, Francia 1º giugno 2008) è stato uno tra i più famosi stilisti e creatori di moda del XX secolo.

"Io non sono un sarto, ma un fabbricante di felicità."

 

Alla pari di Mademoisselle Coco Chanel, Yves Saint Laurent ha creato uno stile unico, è stato per decenni simbolo dell'eleganza più raffinata, moderna, innovativa. Nell'arco della sua carriera ha mantenuto la promessa di innovazione costante volta alla modernizzazione dell'immagine femminile.

 

"Nel corso degli anni ho imparato che la cosa più importante in un vestito è la donna che lo indossa."

 

Sua è stata l'intuizione di trasferire alcuni capi del guardaroba maschile in quello femminile: il blazer, la sahariana, lo smoking, il trench, il giubbotto di pelle, il tailleur-pantalone.  Quando il binomio arte-moda non era ancora così scontato riesce ad abbinare la sua irriverente vitalità con la passione per l'arte dando vita a una moda "colta".

 

 

"La moda non è arte ma per fare vestiti bisogna essere artisti."

 

Yves Saint Laurent raccolse infatti, insieme al suo compagno di vita Pierre Bergé, una ricca collezione opere d'arte, tra cui quadri di Picasso, Matisse, Van Gogh, Mondrian, Léger, Goya. Alla morte dello stilista, Bergé decise di mettere all'asta la collezione e donare parte del ricavato per la ricerca sull'AIDS.

 

Il 13 luglio del 2007,  l'anno prima della sua scomparsa, riceve la Legion d’Onore come Grand Officier il grado più alto dell'onorificenza più importante rilasciata dalla Repubblica francese.

 

Quasi dieci anni dopo la sua scomparsa, avvenuta appunto nel 2008, vengono inaugurati i due musei, il Musée Yves Saint Laurent Paris in Rue Marceau 5 , e il Musée Yves Saint Laurent Marrakech (mYSLm) in Rue Saint Laurent a breve distanza dai Jardin Majorelle. Con architetture molto diverse rappresentano le città e le culture che lo hanno ispirato: Parigi e Marrakech, dove andava a disegnare la sua haute couture.

 

 

 

Il Musée Yves Saint Laurent Marrakech è un edificio di nuova costruzione, un’architettura davvero singolare tra linee cubiste e pizzi di terracotta progettato dallo studio KO fondato dagli architetti parigini Karl Fournier e Olivier Marty.

 

Al secondo piano del museo si trova una libreria aperta al pubblico su appuntamento che conserva volumi rari su moda, architettura, botanica e una preziosa raccolta di studi sulla cultura berbera.

 

L’amore di Yves Saint Laurent per Marrakech fu un colpo di fulmine. Al momento di ripartire per Parigi, lui e Pierre Bergé avevano già le chiavi della loro prima casa marocchina.

 

 

“Questa città mi ha insegnato il colore”

 

 

 

 

 

I Giardini Majorelle di Marrakech, in Marocco, nella villa appartenuta al celebre artista francese Jacques Majorelle e in seguito acquistata e ristrutturata da Yves Saint Laurent e Pierre Bergé.

 

 

 

 

"Un ottimo modello può proporsi alla moda anche per dieci anni."

 

 

***

 

"Senza l’eleganza del cuore non c’è eleganza."

 

 

***

 

"Ho spesso dichiarato che avrei voluto inventare i blue jeans: non c’è nulla di più spettacolare, più pratico, più rilassato e disinvolto. Hanno espressione, modestia, sex appeal, semplicità. Tutto ciò che vorrei per i miei vestiti."

 

 

***

 

"Un bel vestito è un passaporto per la felicità."

 

 

 

Yves Saint Laurent 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

Ripartiamo insieme

18/5/2020

1/8
Please reload

Post recenti